Parliamo con la testa. Neuromarketing applicato alla comunicazione

Ogni giorno prendiamo delle decisioni. In ogni momento siamo chiamati a scegliere fra una opzione A ed una opzione B. Gran parte di queste scelte vengono fatte fra due o più prodotti commerciali. Un cibo piuttosto che un altro, un supermercato, un distributore di benzina o bar. Ma anche un sito web o un altro, un quotidiano online, un e-commerce.

Ogni giorno crediamo di compiere scelte nella piena consapevolezza delle nostre azioni. Scegliamo perché ragioniamo. E se vi dicessimo che non è così?

In un panorama comunicativo sempre più caotico, chiassoso e ricco di stimoli, non abbiamo più l’attenzione necessaria per ogni singolo messaggio di comunicazione o azione di marketing. Solo pochi messaggi pubblicitari o strumenti di comunicazione guadagnano con fatica la nostra curiosità e attenzione. Tutto questo rende il lavoro dei “comunicatori” sempre più difficile (e divertente).

Uno degli aspetti più interessanti della comunicazione e del marketing che, con passione, l’agenzia Tangherlini promuove, è senza dubbio il Neuromarketing.

Che cos’è il Neuromarketing? “È una disciplina che fonde il marketing tradizionale (economia) con neurologia (medicina) e psicologia (scienze comportamentali) e si prefigge di individuare cosa accade nel cervello delle persone in risposta ad alcuni stimoli relativi a prodotti, marche o pubblicità con l’obiettivo di determinare le strategie che spingono all’acquisto.” (Wikipedia)

In poche parole è quel percorso, involontario, che ci spinge verso la scelta di un prodotto piuttosto che di un altro. E’ probabilmente una delle più interessanti evoluzioni del marketing tradizionale verso nuovi canali di comunicazione più diretti ai processi decisionali d’acquisto.

Non si tratta più di parlare alle persone ma anche (e soprattutto) al loro cervello. Parlare con la testa!

Ecco un’infografica molto chiara su quali percorsi, passaggi e strumenti è necessario mettere in campo quando si approccia ad una strategia di Neuromarketing.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone