Le parole sono importanti. Anche in una email

Ne mandiamo decine ogni giorno. Ci comunicano belle e brutte notizie. Addirittura ce le inviamo da soli per non perderci un link, un aggiornamento, una cosa da ricordare.

Le email sono oramai parte essenziale della nostra “dieta mediale”, non possiamo negarlo. Grazie ai nuovi device, come smartphone e tablet, le email hanno addirittura sostituito in alcuni casi i “vecchi” sms (ancora a pagamento). Ma come si scrive una mail?

Le regole della comunicazione sono importanti anche quando ci si avvicina ad uno strumento così semplice e così immediato. Scrivere una email ha delle regole, sia tecniche che sociali, che vanno rispettate.

Quant’è importante l’oggetto di una mail?
A che cosa serve il campo CCN?
Come utilizzare il grassetto, il corsivo, gli spazi?

Ne ha parlato Gazduna Project all’ultimo #freelancecamp di Marina Romea, grazie ad una presentazione con cui, con un tono simpatico e informale, ha toccato i punti più importanti e delicati nello scrivere una mail.

 

Oltre ai vari consigli e alle spiegazioni sull’utilizzo di tutti gli strumenti delle email, il consiglio che non deve mai essere dimenticato è certamente “attenzione”.

Ogni qual volta si scrive una mail, qualunque sia il suo grado di importanza, è importante prestare attenzione ad ogni singolo aspetto. Dall’indirizzo all’oggetto, dal tono di voce agli errori di battitura fino alla lunghezza della mail stessa. Perché “le parole sono importanti”. Anche in una email.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInEmail this to someone